top of page

Chantal Forzatti | Milano,1985

Architetta, laureata con lode al Politecnico di Milano con la tesi “Il museo del Razionalismo a Milano”, relatore Arch. Pierluigi Cerri.

Ha iniziato a lavorare come architetto di interni durante gli anni universitari al Politecnico di Milano, presso il quale in seguito è anche stata assistente.

Ha acquisito ulteriore esperienza sul campo lavorando in diversi studi Italiani ed esteri dove ha approfondito ogni aspetto del progetto, dalla relazione con il cliente e gli altri professionisti in gioco, fino alla gestione della contabilità, del cantiere e lo sviluppo di ogni più minimo dettaglio.

Negli ultimi anni ao aperto un suo studio con l’obiettivo di dedicarsi in prima persona ad ogni singolo progetto.

Sviluppa ogni progetto personalmente, affronta tutta la genesi di una ristrutturazione come fosse casa sua, vestendo però i panni dei suoi committenti, sperimentando ogni volta scelte differenti e documentandosi su gusti diversi.

​Premi

2010 | COSTRUIRE GREEN LIFE, secondo premio

​Esposizioni

2024 | I nuovi luoghi dell'abitare, Milano Home c/o Rho Fiera

2023 | FUORISALONE 

2016 | 16VT XXI Triennale di Milano 21st century Design after Design. "Stanze, altre filosofie dell'abitare".

2012 | XVIII BIENAL PANAMERICANA DE ARQUITECTURA DE QUITO

2011 | FUORISALONE Casa dell’Energia, Milano

​Pubblicazioni

2024 | PLATFORM n.45

2022 | COSE DI CASA n.2

2022 | CASA NATURALE

2020 | LIVING, versione online

2020 | DONNA MODERNA n.23

2020 | COSE DI CASA n.4

2020 | NYTLIV magazine, versione online

2019 | LIVING, versione online

2019 | COSE DI CASA n.9

2019 | COSE DI CASA n.5

2019 | COSE DI CASA n.4

2018 | VILLE E CASALI n.3

2018 | COSE DI CASA n.1

2016 | 16VT  "Stanze, altre filosofie dell'abitare", catalogo XXI Triennale di Milano, Marsilio

2010 | In/between INTERIOR WOR(L)DS_IFW 2010 

2010 | Modular carpet, INTERNI n.604

2008 | Un complesso religioso per la città di Piacenza, Architettura civile n.1

Team

Irene Lucca, architetta

Arianna Marazzi, architetta

Marta Messina, architetta

bottom of page