Chantal Forzatti_Architetto e interior designer | chantalforzattiarchitetto@gmail.com | +39 349 4904 753 | p.iva 08440430968

  • homify
  • Instagram - Grey Circle
  • LinkedIn - Grey Circle
  • d
  • Houzz - Grey Circle
  • Pinterest - Grey Circle

COSTRUIRE GREEN LIFE

Concorso organizzato da INTERNI  e sostenuto da A2A*

 

Luogo

Fuorisalone  c/o Casa dell’Energia

Milano (MI)

Data

2010

Un tappeto sopraelevato da cui poter vedere la città e viverla nel verde.

Un tappeto dalle infinite possibilità di aggregazione che faccia fronte alla carenza di spazi liberi all’interno del denso tessuto storico della città. Un tappeto che, grazie alla sua geometria, offre alla città una nuova città da abitare dall’alto, da vivere all’insegna della sostenibilità.

Questa l’idea alla base del Modular Carpet. Si tratta di una soletta attrezzata che ospita gli impianti necessari all’insediamento di singole unità abitative. 

È flessibile  perché offre la possibilità non solo di insediarsi sui tetti di tutte le città del mondo, ma soprattutto perchè permette l’assemblaggio delle cellule base in diverse configurazioni.

La griglia modulare che la caratterizza  rende possibile la collocazione degli alloggi a loro volta modulari, assemblabili in loco, ripetibili e ampliabili nel tempo.

 

L’attenzione agli aspetti energetici e bioclimatici degli impianti contenuti nella soletta e dei materiali atti alla costruzione dei moduli abitativi, rende il Modular Carpet un sistema insediativo sostenibile e versatile.

L’attenzione agli aspetti energetici e bioclimatici degli impianti contenuti nella soletta e dei materiali atti alla costruzione dei moduli abitativi, rende il Modular Carpet un sistema insediativo sostenibile e versatile.

Ciò è ulteriormente sostenuto dal fatto che le residenze che il tappeto ospita si basano su un sistema energetico passivo, per cui non risultano essere parassiti degli edifici su cui si appoggiano, bensì si propongono come primo obiettivo quello di essere energeticamente autonome o addirittura di proporsi come possibili micro centrali energetiche per l’intero stabile a cui si aggregano.

Inoltre l’attenzione alla facile reperibilità dei materiali da costruzione, il forte carattere di prefabbricazione delle cellule abitative, che possono essere facilmente assemblate da pannelli modulari di 60 cm, diminuisce i costi di realizzazione del progetto.

* in collaborazione con Elena Elgani, Maria Letizia Novarese e Paola Zocchi.